Le scarpe Shimano RC5 (SH-RC502) rappresentano una delle ultime novità introdotte in gamma dal brand giapponese, con l’intento di offrire un prodotto di qualità, ma ad un prezzo decisamente più contenuto (meno della metà) rispetto alla versione top di gamma S-Phyre RC9.

Shimano le considera comunque scarpe da competizione, dotate di molte delle caratteristiche delle S-Phyre, come ad esempio la sagoma della scarpa Dynalast, pensata per ottimizzare la biomeccanica della pedalata e il trasferimento di potenza.

Scarpe Shimano RC5

Rigidità della suola, meccanismo di chiusura e qualità dei materiali, chiaramente, sono diversi, ma considerando le prestazioni e il rapporto qualità/prezzo, riteniamo che la RC5 possa rappresentare un prodotto di sicuro interesse per tanti ciclisti.
Anzi, vi diremo di più, probabilmente è la tipologia di scarpa ideale per tutti coloro che non sono professionisti o agonisti evoluti.

L’abbiamo utilizzata per diverse settimane, mettendola anche a confronto diretto con la S-Phyre 901 (ora sostituita dalla 902). 

Qui sotto vi descriviamo i dettagli e le nostre impressioni su strada.
Per il test abbiamo usato la colorazione blu, ma è disponibile anche in nero e bianco.

 

 

 

 

 




– Materiali utilizzati: 8,5
La qualità dei materiali con cui sono realizzate le Shimano RC5 è veramente ottima, soprattutto se paragonata al prezzo.

La tomaia è in pelle sintetica. La consistenza è diversa rispetto alla RC9, ma è comunque molto morbida, avvolge bene il piede e non genera alcun fastidio neanche dopo uscite di diverse ore.

I numerosi microfori che troviamo in tutta la parte anteriore della scarpa garantiscono anche un buon livello di traspirabilità.
La suola è rinforzata in fibra di carbonio e offre il giusto compromesso tra comfort e rigidità.

Scarpe Shimano RC5

– Sistema di chiusura: 8,5
Il sistema di chiusura è “misto”, cioè affidato ad un rotore Boa e ad un velcro. Quest’ultimo permette un serraggio più efficiente nella zona dell’avampiede.

Il pomello Boa utilizzato è il modello L6 con innesto a baionetta.
Semplice da azionare, anche se rispetto alle versioni più pregiate non consente di allentare la scarpa step by step.
Permette di stringere in modo micrometrico, ma quando si tratta di allentare bisogna farlo tutto di un colpo, tirando il pomello verso l’esterno.

Scarpe Shimano RC5

– Regolazioni consentite: 8
La gamma di regolazioni consentite, a nostro avviso, rappresenta una delle differenze principali rispetto alla S-Phyre.

Intendiamoci, l’abbinamento del rotore Boa L6 e dello strap permette di trovare con una certa facilità la connessione preferita tra piede e scarpa, ma i doppi rotori Boa di cui sono dotate le RC7 e le RC9 offrono una marcia in più sotto questo punto di vista.

Inoltre, i rotori Li2 utilizzati sulla nuova RC902 permettono la regolazione micrometrica a “due vie”, cioè sia in fase di tiraggio che di rilascio.

In primo piano la Shimano RC5, con il sistema di chiusura Boa L6+strap, sullo sfondo la RC901, con il doppio rotore

– Prezzo: 9,5
E’ il punto di forza delle scarpe Shimano RC5.
Il prezzo al pubblico è di 149,99 euro, a nostro avviso davvero interessante in relazione alla qualità del prodotto.

Chi non vuole rinunciare alla praticità del doppio Boa può optare per le RC7, che comunque hanno un prezzo interessante: 189,99 euro.

Voto finale (da 1 a 10): 8,62

Scarpe Shimano RC5

2 – PRESTAZIONI
– Comfort della calzata: 9,5
Il comfort della Shimano RC5 è davvero sorprendente e, a nostro avviso, è addirittura superiore a quello della RC9, probabilmente per la minore rigidità della suola, che nelle lunghe distanze si fa sentire.

D’altronde, la S-Phyre RC9 è pensata per i professionisti, dunque per massimizzare le prestazioni, mentre la RC5 ha proprio come obiettivo quello di trovare un buon compromesso tra prestazioni e comodità.
In fase di acquisto si tratta di un dettaglio che troppo spesso ci dimentichiamo, anche perché, diciamo la verità, a tutti piace avere la scarpa uguale ai professionisti, anche se magari la sfruttiamo solo al 50% del potenziale.

La tomaia Surround wrapping avvolge molto bene il piede e grazie alla struttura integrata di suola e tomaia (mutuata dalle S-Phyre) garantisce una stabilità del piede eccellente, anche nelle fasi di massimo sforzo.

La linguetta è fissata alla parte interna della scarpa tramite un inserto elastico, che non è super pratico in fase di calzata, ma migliora ulteriormente la ritenzione del piede.

– Rigidità suola: 8
Partiamo da un dato oggettivo: l’indice di rigidità della suola dichiarato da Shimano è pari a 8, quindi più basso rispetto alle RC7 (indice 10) e alle RC9 (indice 12, il massimo della scala Shimano).

Detto questo, se un professionista è in grado di avvertire sin da subito la differenza, per un utente medio la cosa è un po’ meno evidente.

Personalmente ho notato la differenza solamente nelle fasi di scatto e di rilancio violento, ovvero quando la scarpa viene messa particolarmente sotto stress.
Le prestazioni non sono le stesse della top di gamma, ma comunque di alto livello.

– Peso: 9
Il peso dichiarato di una singola scarpa in taglia 42 è di 250 grammi.
Il peso rilevato, nella taglia 44 oggetto del test, è di 270 grammi, ovvero solo 7 grammi in più rispetto alle RC9 che usiamo abitualmente (QUI trovate il nostro test).
Non sono tra le più leggere sul mercato, ma il valore rapportato al prezzo è davvero interessante.

Scarpe Shimano RC5

Ventilazione: 8,5
Le abbiamo provate prevalentemente nel periodo invernale e primaverile, quindi non è semplice dare un giudizio in merito.

La tomaia in tutta la zona dell’avampiede è ricca di microfori, pensati proprio per ottimizzare la ventilazione.
Utile, in questo senso, anche la presa d’aria posizionata nella parte anteriore della suola.
Nonostante questo, l’impressione è che la scarpa sia leggermente meno traspirante rispetto alla S-Phyre RC9.

Scarpe Shimano RC5

Scarpe Shimano RC5

– Calzata (quale taglia scegliere?): 9
Le scarpe Shimano RC5 hanno una calzata abbastanza regolare e del tutto simile a quella delle RC9. Per il test ho usato una 44.

La gamma di numeri disponibili è davvero ampia, poiché va dal 36 al 50 in versione standard e dal 38 al 50 nella versione a pianta larga.
Unico limite, non sono disponibili le mezze misure.

In gamma è presente anche un modello da donna, in colore bianco o blu, nelle misure dal 36 al 44.

Voto finale (da 1 a 10): 8,7

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 8,66

IN CONCLUSIONE
Le Shimano RC5 forse non sono le scarpe per l’agonista evoluto, ma a nostro avviso rappresentano un prodotto ideale per un’ampia fetta di utenti. 

Consigliarle sono a chi si è avvicinato da poco alla bici da corsa ci pare decisamente riduttivo.
Leggere e rigide quanto basta, sono molto comode e soprattutto hanno un prezzo concorrenziale, soprattutto se raffrontate ai top di gamma.

A sinistra le RC5, a destra le S-Phyre RC9. Si nota come la forma della scarpa, caratterizzata dalla sagoma Dynalast, sia molto simile. Le differenze principali stanno nel sistema di chiusura e nella rigidità della suola.

Per maggiori informazioni: bike.shimano.com

Per chi vuole saperne di più su come scegliere le scarpe più adatte alle proprie esigenze:

Come scegliere le scarpe da bici: ecco tutti gli elementi da valutare…



 

VALUTAZIONE IN SINTESI
Dettagli tecnici
8.62
Prestazioni
8.7