L’altezza sella costituisce il valore più importante tra tutti i parametri biomeccanici in ballo quando si parla di giusto posizionamento in bici da corsa.
Non a caso è il primo (a volte anche l’unico) ad essere calcolato.
Solo dopo aver impostato l’altezza sella si procede con l’aggiustamento di altri valori, come la distanza sella-manubrio, l’arretramento, il dislivello.

DEFINIZIONE: Per altezza sella si intende la distanza tra il centro del movimento centrale e il piano sella, in corrispondenza del centro anatomico della sella stessa. Il centro anatomico corrisponde al punto in cui la sella è larga 7,5 cm, anche se alcuni prendono come riferimento 7 cm, altri 8 cm.

altezza sella della bici da corsa



Calcolare in modo corretto l’altezza sella della bici da corsa permette di ottenere la massima resa biomeccanica, ottimizzando l’espressione di potenza.
Allo stesso tempo significa ottenere un buon livello di comfort, evitando possibili disturbi, soprattutto a carico di schiena, ginocchia e soprasella.

Se siete ciclisti evoluti o, comunque, avete intenzione di pedalare con frequenza ed impegno, il consiglio è di effettuare una visita biomeccanica, che vi fornirà tutte le misure per impostare un assetto in bici ottimale.
In alternativa, anche molti negozianti si sono dotati di strumenti adeguati per sviluppare una corretta impostazione al momento dell’acquisto della bici.
Tuttavia, se non siete soddisfatti del vostro assetto in sella e non volete investire tempo e denaro in un’analisi biomeccanica, esistono dei metodi meno scientifici, ma precisi, per ottenere la giusta altezza sella.
La tolleranza, se il procedimento è ben fatto, è di pochi millimetri, che possono essere aggiustati in un secondo momento “ascoltando” le proprie sensazioni.

altezza sella della bici da corsa

LA MISURAZIONE DEL CAVALLO
Il primo passo per calcolare l’altezza sella della bici da corsa è rilevare l’altezza del proprio cavallo.
Il valore del cavallo è il punto di partenza per qualsiasi metodo di calcolo dell’altezza sella, anche di quelli utilizzati dai biomeccanici più esperti.
Per farlo saranno sufficienti solo due strumenti: un metro e una livella lunga almeno 50 cm.
L’unico consiglio è di farvi aiutare da un’altra persona, poiché non è semplice effettuare l’intera operazione da soli.

altezza sella della bici da corsa
La prima operazione da eseguire per calcolare l’altezza sella della bici da corsa è quella di misurare il cavallo. Si può fare a casa utilizzando una livella e un metro.

Per prima cosa togliete le scarpe e indossate un paio di pantaloncini da ciclista, in modo che la misurazione tenga conto anche del fondello.
Impugnate la livella con due mani e posizionatela tra le gambe.
Tirate con forza verso l’alto (occhio a non esagerare :-)), come se sentiste la stessa pressione che provate quando siete seduti sulla sella.
A questo punto, meglio se facendovi aiutare da un’altra persona, rilevate con un metro l’altezza tra la parte superiore della livella e il terreno.
Attenzione, è importante tenere la livella perfettamente in bolla e rilevare la misura a piedi scalzi.

LE FORMULE MATEMATICHE PER OTTENERE L’ALTEZZA SELLA
La maggior parte dei metodi di calcolo dell’altezza sella si basano su formule matematiche, sviluppate tenendo conto di studi fisiologici e biomeccanici.
Il più conosciuto e, a nostro avviso, anche quello che fornisce i risultati più realistici, è il “Metodo Hinault”, che prende il nome proprio dal celebre ciclista francese che lo ha creato.
Questo metodo consiste nel moltiplicare la misura del cavallo per 0,885.
Ad esempio, prendendo come riferimento un cavallo di 87 cm, come quello del sottoscritto, l’altezza sella ottenuta sarà di 77 cm:

87 cm (Cavallo) x 0,885 =76,995 cm (altezza sella)

altezza sella della bici da corsa
L’altezza andrebbe presa dal piano sella, in corrispondenza del centro anatomico della sella stessa, che viene quasi universalmente riconosciuto nel punto in cui la sella è larga 7,5 cm (secondo alcuni studi è di 7 cm, secondo altri di 8 cm)

Una formula molto simile è quella che fa riferimento al “Metodo Le Mond”, che prevede di moltiplicare il valore del cavallo per 0,883.
I valori ottenuti sono veramente molto simili.
Per essere precisi andrebbe ricordato che queste due formule facevano riferimento a pedivelle da 170 mm, quindi in caso di utilizzo di pedivelle da 172,5 mm occorre sottrarre 2,5 mm dal valore finale ottenuto.
In caso di pedivelle da 175 mm si dovranno sottrarre 5 mm dal valore ottenuto.

Un’ulteriore formula matematica prevede di moltiplicare la misura del cavallo per un valore tra 1,07 e 1,09. Dal risultato ottenuto deve essere sottratta la lunghezza delle pedivelle.
I risultati sono simili ai metodi Hinault e Le Mond.
Partendo sempre da un cavallo di 87 cm, con una pedivella da 170 (per fare un confronto diretto con il metodo Hinault) si otterrà:

87 cm (cavallo) x 1,09 = 93,96 – 17 cm (lunghezza pedivella) = 76,96 cm (altezza sella)

altezza sella della bici da corsa
L’altezza sella va misurata dal centro anatomico della sella al centro del movimento centrale. Si può usare un classico metro, anche se esistono degli strumenti appositi che sono ancora più precisi, come quello nella foto sopra.



VERIFICHE EMPIRICHE E AGGIUSTAMENTI A “SENSAZIONE”
Una volta riportata l’altezza sella sulla bici non resta che pedalare per valutare le sensazioni e capire se è necessario qualche aggiustamento.
Un’ulteriore prova per capire se avete posizionato l’altezza sella in modo corretto è quella che vedete  rappresentata nella foto sotto. Si tratta di un test empirico e quindi senza alcuna pretesa di validità scientifica, ma molto funzionale.

altezza sella della bici da corsa

State seduti in sella senza agganciare i pedali e distendete le gambe verso terra. Se le punte dei piedi sfiorano il pavimento, la posizione è molto vicina a quella ottimale.
Tenete conto che questa prova è valida solo con bici da corsa. In mtb è falsata poiché il baricentro è più alto (in particolare se dotate di ruote da 29″).

Se, invece, volete un parametro più scientifico, considerate che oggi la maggior parte degli studi biomeccanici ritiene corretta un’altezza sella con un angolo di massima estensione del ginocchio (cioè con pedivella rivolta verso il basso) tra i 140° e i 150°.
Per poter rilevare questo valore, però, dovrete necessariamente rivolgervi ad un biomeccanico o avere a disposizione un software o un’app capace di misurare gli angoli.

altezza sella della bici da corsa

Infine, non dimenticate che anche nel caso di valori ottenuti attraverso sofisticate e professionali analisi biomeccaniche, non è possibile definire in modo assoluto l’altezza sella corretta.
Si parla, infatti, di “finestra biomeccanica“, cioè di una forbice piuttosto stretta di valori (range inferiore a +/- 0,5 cm) all’interno del quale si colloca l’altezza sella ottimale.
Il valore di riferimento, pur rimanendo all’interno di questo range, può variare verso l’alto o verso il basso per differenti motivi, come ad esempio l’affaticamento muscolare, l’elasticità muscolare, l’allenamento.
Una sensazione molto diffusa tra i ciclisti d’elite, ad esempio, è che nei momenti di massima condizione la sella sembri bassa. Ciò è sicuramente dovuto allo stato di forma, che si associa ad una muscolatura più elastica ed esplosiva.

altezza sella della bici da corsa

Questi aggiustamenti sono necessari in caso di valutazioni biomeccaniche professionali e, dunque, ancor più nel caso di calcoli ottenuti con misurazioni matematiche e metodi empirici.
Ascoltate le vostre sensazioni per trovare il valore finale di altezza sella, consapevoli che gli scostamenti difficilmente possono essere superiori a 0,5 cm rispetto ai valori calcolati con le formule che vi abbiamo descritto.

Qui trovate tutti gli altri articoli relativi ai consigli tecnici pubblicati su BiciDaStrada.it