Il Metodo PIT 3.0 è un sistema di allenamento pensato per chi ha poco tempo e, specie durante l’inverno, si allena prevalentemente indoor (sui rulli o su spinbike).
Una condizione che accomuna molti di noi appassionati, almeno nel periodo che va da novembre a marzo, ma che non deve essere vista necessariamente come un limite…

Il valore aggiunto di questo sistema, proposto nella sua prima versione nell’ormai lontano 2002, è che si tratta di un programma strutturato e ben articolato, suddiviso in 5 mesocicli di lavoro, ciascuno con un obiettivo specifico.
Allo stesso tempo, però, è anche versatile, perché l’utente può decidere se acquistare l’intero pacchetto, oppure semplicemente i mesocicli o le lezioni che ritiene più utili per i propri obiettivi.

Insomma, un’ottima alternativa a Zwift e altri programmi di allenamento indoor, pensata per chi vuole allenarsi con criterio anche se in inverno ha poco tempo a disposizione, in modo da presentarsi all’inizio della stagione già in ottima condizione.

Ma come funziona e come è strutturato il Metodo PIT 3.0?
Ne abbiamo parlato con Fabrizio Pederzoli, ideatore del sistema, che ci ha spiegato le caratteristiche principali dell’ultima release del Metodo PIT Cycling Program, la 3.0.



– Il Metodo PIT è nato oltre 10 anni fa, ma alcuni dei nostri lettori potrebbero non conoscerlo, vuoi spiegarci in breve com’è nato e perché?
– La premessa d’obbligo è che il contesto ideale di chi pratica ciclismo, se parliamo di bici da corsa, è appunto la strada. O, per chi ha scelto la Mtb, generalizzando e non poco, il fuoristrada.

Su questa premessa penso che siamo tutti d’accordo, anch’io non appena è possibile e le condizioni meteo lo permettono, preferisco allenarmi all’aperto.
Tutti sappiamo, però, che per vari motivi non sempre è possibile farlo…
E’ questo il motivo principale, ma non l’unico, che ha portato alla creazione di un metodo di allenamento indoor, inizialmente su tabelle cartacee, in seguito convertite in presentazioni interattive digitali e dal 2013 in formato video, dapprima su chiavetta e dal 2018 fruibili in streaming oppure offline dal sito metodopit.eu.

Metodo PIT 3.0

5 mesocicli a copertura del periodo più avverso dal punto di vista meteorologico, ovvero quello che va da novembre a marzo.
40 sessioni nelle quali accompagno, nel vero senso della parola, l’atleta in un percorso allenante che affronta le principali componenti dell’allenamento per ciclismo: Forza, Potenza, Agilità, VO2Max e Rifinitura.

– Quali le novità e le differenze del nuovo Metodo PIT 3.0 rispetto al precedente? – -La differenza sostanziale è il passaggio dalla frequenza cardiaca alla potenza come dato di riferimento.
Il Power Meter, già sperimentato lo scorso anno in alcuni pacchetti di allenamento Live, con il Metodo PIT 3.0 diventa a tutti gli effetti il protagonista.
Potenza e relative zone di potenza, insieme al dato della cadenza, vanno quindi ad aggiungersi alla Fc.

Tra le novità di rilievo vi è anche una visualizzazione a video dei dati funzionali molto più chiara ed intelligibile, oltre ad una nuova spinbike e ad una rinnovata ambientazione dei video.

Per ultimo, ma non meno importante, anche grazie alla collaborazione degli amici ed atleti del Metodo PIT che compongono la nostra attivissima fanbase, la possibilità di ricevere i 40 workout del Metodo PIT 3.0 nel formato pronto e utilizzabile con le principali marche di rulli o spinbike interattivi e le principali piattaforme, come ad esempio Zwift.
Questo crea una pressoché completa interattività tra il Metodo PIT 3.0 ed il rullo o la bike.

Metodo PIT 3.0

– Il Metodo PIT 3.0 può essere utilizzato solo indoor?
– Certo che no, io ad esempio nei video non utilizzo un rullo o una spinbike interattiva, sulla bici ho montato due pedali Assioma Duo (in questo periodo tra l’altro in offerta sul sito in abbinamento al Metodo PIT 3.0), che utilizzo anche su strada così da poter fare anche dei confronti sulle mie prestazioni con lo stesso allenamento indoor e outdoor.

TEST – Favero Assioma Duo, misuratore di potenza facile da montare e da usare…

– Quali strumenti sono necessari per seguire il tuo Metodo?
– Gli strumenti richiesti sono un cardio abbinato a un misuratore di potenza (ormai presente in ogni smart trainer interattivo o acquistato come componente aggiuntivo).
Tutto il lavoro allenante viene eseguito rispettando le zone di potenza, quindi serve prima individuare le proprie tramite un test FTP.

Sul sito metodopit.eu abbiamo previsto una audioguida per realizzare un “Test da Campo”, quindi in completa autonomia. Suggerisco comunque e sempre a tutti di prevedere almeno una volta nella propria carriera sportiva, di effettuare un test da laboratorio con personale qualificato che inequivocabilmente può darci la stima del nostro valore di FTP.

– A detta di molti per non dire di tutti, il tuo coinvolgimento è elevato, tanto quanto la Fc, come fai?
– Fondamentalmente a muovermi è una grande passione, mi piace ciò che faccio, se poi ci aggiungi la stima e gli apprezzamenti di coloro che fedelmente da anni seguono me e il mio metodo di allenamento, il gioco è fatto.
Ammetto che a volte sono anche loquace, ma nessuno è perfetto… 😅😄

– Si può provare il Metodo PIT 3.0 prima di acquistarlo?
– Sì, ho realizzato una sessione omaggio di oltre 45 minuti, scaricabile e completa di tabella in formato pdf, per scoprire le caratteristiche dei 5 nuovi mesocicli del Metodo PIT 3.0 (la potete scaricare QUI, oppure guardarlo qui sotto, per capire di cosa si tratta).
È una demo ma anche, a tutti gli effetti, una sessione di allenamento completa.

Il Metodo PIT 3.0 è comunque acquistabile, sia a singolo mesociclo, diluendo così in 5 mesi il costo del pacchetto completo, ma anche a singola lezione. In questo ultimo caso consiglio la 3 del Mesociclo Force o del Mesociclo Power.

– È in abbonamento?
– Assolutamente no, i video che compongono il Metodo PIT, una volta acquistati restano sempre nella disponibilità del cliente, basta accedere al sito.
Il vantaggio di questa formula sta nel fatto che l’utente può eseguire l’allenamento quando vuole, senza essere vincolato a orari e giorni precisi.

Metodo PIT 3.0

– Sei attivo sui social?
– Certo, è proprio grazie alla pagina Facebook metodopitcyclingprogram e al gruppo PIT Club, al profilo Instagram e al canale YouTube che riesco ad avere un feedback quotidiano da chi utilizza già da anni il mio metodo e da chi lo sta approcciando per la prima volta. Sono inoltre in diretta Facebook, ogni venerdì alle 12:45 sempre su Fb.

Il pacchetto completo, composto da 40 lezioni video + 40 tabelle in formato pdf suddivise in 5 mesocicli, costa 365 euro.
In alternativa si può acquistare un singolo mesociclo al prezzo di 73 euro o una sola lezione alla volta al prezzo di 12 euro.

Per maggiori informazioni: metodopit.eu