Quale rullo scegliere? Una domanda che ogni anno assilla migliaia di ciclisti appena arriva l’autunno.
Le giornate si accorciano e i tempi per allenarsi si riducono drasticamente.
Senza contare le cattive condizioni meteo e le temperature in picchiata.
La scelta migliore (e spesso obbligata) per continuare ad allenarsi con una certa regolarità è proprio quella di pedalare sui rulli.
Anche perché, a nostro avviso, pedalare in inverno sotto la pioggia o con temperature inferiori allo zero non è poi così producente: si rischiano malanni e ci si allena male.

rulli per bici
Foto whaoofitness.com



L’alternativa è quella di abbandonare la bici, almeno durante la settimana, sostituendola con attività complementari, come running, palestra o nuoto.
Ma questo è un altro discorso e ne parleremo in un articolo apposito.

Per chi invece non intende smettere di pedalare neanche in inverno, il mercato offre una proposta di rulli per bici veramente completa.
Si spazia da prodotti con prezzo di poco superiore a 100 euro fino ad home trainers che superano abbondantemente i 1.000 euro.
La scelta è cosi vasta e i modelli così numerosi e diversi tra loro che spesso diventa difficile orientarsi.
Quali sono le differenze?
E soprattutto, per chi è più adatto un rullo più semplice oppure uno più performante?

In questo articolo vogliamo spiegare, in maniera semplice e sintetica, le principali differenze tra le varie tipologie di rulli.
Gli aspetti da valutare sono essenzialmente tre:

  1. Sistema di fissaggio della bici
  2. Tipo di freno utilizzato
  3. Connettività e capacità interattive
rulli per bici
Foto Facebook.com/TacxOfficial.

1 – SISTEMA DI FISSAGGIO DELLA BICI
-Rulli Direct Drive (a trasmissione diretta)

I rulli per bici a trasmissione diretta sono i più recenti ad aver fatto la loro comparsa sul mercato, non più di 6 o 7 anni fa.
In questo caso il rullo si posiziona al posto della ruota posteriore della bici e la catena va a lavorare sul pacco pignoni che si trova sul rullo stesso (per questo si chiamano a trasmissione diretta).
Si tratta della tipologia di rulli attualmente più performante, poiché molto stabili e in grado di simulare wattaggi e pendenze elevati (la potenza massima dipende dal prezzo e dalla qualità di ogni singolo prodotto).

rulli per bici
Foto Facebook.com/EliteBikeTraining.

In più la sensazione della pedalata è veramente realistica e la tipologia di fissaggio non stressa troppo il telaio della bici.
La nota negativa sta nel prezzo, poiché si tratta di prodotti di qualità ed è difficile trovare modelli con costi inferiori a 500 euro.
Sono rulli ideali per che pensa di allenarsi indoor con regolarità e, comunque, vuole uno strumento che permetta di effettuare dei lavori di qualità, simili a quelli che si potrebbero svolgere su strada, compresi scatti e lavori di forza.

-Rulli con fissaggio al telaio (Wheel on)
Si tratta della tipologia più “classica” e conosciuta di rulli per bici.
Fino a qualche anno fa rappresentavano almeno il 90% del mercato.
In questo caso la bici viene ancorata alla struttura del rullo in corrispondenza dello sgancio ruota posteriore. La ruota poggia su un piccolo rullo, che regola la resistenza della pedalata.
La qualità e il realismo della pedalata dipende molto dalla tipologia di freno utilizzata e dalla qualità del rullo.
In questo caso, infatti, la forbice di prezzi può andare dai 100 euro fino a oltre 500, nel caso di rulli smart.

rulli per bici
Foto jetblackcycling.com.

I rulli con fissaggio al telaio, però, hanno diversi limiti: in primo luogo generano una notevole usura del pneumatico posteriore, quindi è bene utilizzarli con una gomma ormai vecchia oppure, meglio ancora, con un pneumatico specifico.
In più è difficile riuscire a simulare pendenze e wattaggi pari a quelli dei rulli Direct Drive.
Inoltre la pedalata è meno realistica, soprattutto quando i livelli di resistenza vengono portati al massimo.
Senza dimenticare lo stress a cui viene sottoposto il telaio, “stretto” tra la struttura del rullo e senza grandi possibilità di oscillazione.
A questo proposito seguite attentamente le istruzioni di fissaggio, per evitare di danneggiarlo.

Rulli liberi (rollers)
La bici non è fissata al telaio, ma si pedala direttamente sopra dei rulli come se vi trovaste su strada (per questo si chiamano liberi).
Il vantaggio, ovviamente, è che la bici non subisce stress e la pedalata è molto realistica.
Tuttavia ci sono alcuni limiti evidenti.
Prima di tutto è richiesta grande concentrazione per restare in equilibrio. Anche se la forma dei rulli è parabolica e pensata per facilitare l’equilibrio, ogni minima distrazione può essere molto pericolosa. Insomma, sono piuttosto stressanti.
Inoltre è più difficoltoso raggiungere dei livelli di resistenza elevata, tanto che in passato erano spesso usati dai Pro’ in fase di riscaldamento e defaticamento.
Per completezza di informazione oggi ne sono stati prodotti dei modelli interattivi capaci di simulare resistenze piuttosto elevate, anche se i modelli tra cui scegliere sono limitati.

rulli per bici

2 – TIPO DI FRENO
Freno magnetico

E’ il sistema più semplice e uno dei più diffusi, soprattutto sui rulli non molto costosi.
La forza frenante è generata da una resistenza magnetica che può essere regolata manualmente attraverso un cavo e un comando remoto, oppure, nei modelli più recenti, anche in modo elettronico.
La potenza frenante dipende molto dalla qualità del rullo, ma soprattutto quando si raggiungono i livelli massimi la pedalata perde un po’ di fluidità.

Freno a ventola
E’ un sistema meccanico molto semplice, ma anche poco diffuso a causa dell’elevata rumorosità (così funzionava il vecchio e famoso Ciclomulino).
In pratica il volano del rullo è collegato ad una ventola. Più la ventola gira veloce, più l’aria offre resistenza e quindi maggiore è la forza frenante.
In pratica, più si va veloce, maggiore è la resistenza ottenuta.

Freno idraulico
In questo caso la forza frenante è generata da un volano che ruota in un liquido specifico. Più aumenterà la velocità, maggiore sarà la resistenza fornita dal fluido.
Per incrementare la resistenza, a volte viene associato anche ad un freno magnetico.
Questo tipo di freno è silenzioso, non necessita di corrente e fornisce una sensazione di pedalata molto realistica.

Freno elettro-magnetico
Alla base della resistenza ci sono sempre dei magneti, che però vengono gestiti elettricamente generando una campo magnetico che frena il volano.
Questo permette resistenze molto più elevate e una maggiore fluidità di pedalata.
Per poter funzionare è quasi sempre necessaria una presa di corrente, anche se stanno arrivando sul mercato home trainer in grado di autoalimentarsi.
In questo caso, ovviamente, parliamo della tipologia di freno più evoluta e funzionale in assoluto.

rulli per bici

3 – CONNETTIVITA’ E CAPACITA’ INTERATTIVE
Interattivi, smart o senza connessione

L’altra importante distinzione tra le varie famiglie di rulli riguarda la connettività (di solito Ant+, Bluetooth o Wi-fi).
Sul mercato esistono rulli interattivi, smart oppure privi di connessioni e a volte la differenza non è ben chiara.
I rulli interattivi sono quelli in grado di comunicare con app e software proprietarie dei marchi che li producono, ma anche con i principali software di simulazione dell’allenamento di terze parti (come il famoso Zwift). Nel video qui sotto potete farvi un’idea di ciò di cui stiamo parlando:

Nel caso dei rulli interattivi è l’applicazione stessa che è in grado di regolare la resistenza del rullo in base al tipo di allenamento che state svolgendo o al percorso che state simulando.
In pratica potrete scegliere l’allenamento da svolgere e non dovrete più fare niente se non pedalare.
Anche i rulli smart sono in grado di comunicare con app e software, ma diciamo che lo possono fare “a una sola via”.
Per capirci, trasmettono i dati di cadenza, potenza, frequenza cardiaca e altro ancora, ma dovrete comunque essere voi a impostare il livello di resistenza desiderata, poiché le app non sono in grado di farlo.
Nel caso di rulli più semplici, senza alcuna connessione, ovviamente tutto le regolazioni sono manuali e non avrete info sul vostro allenamento.

rulli per bici
Foto bkool. com

QUALI SCEGLIERE
La scelta del rullo più adatto alle proprie caratteristiche deve tener conto essenzialmente di tre aspetti:

  • il budget a disposizione;
  • quanto pensate di utilizzarlo;
  • come pensate di utilizzarlo.

Chi pensa di usare il rullo solo saltuariamente, quando proprio non si può uscire in bici per molti giorni a causa del maltempo, può scegliere un rullo magnetico o idraulico con fissaggio al telaio, spendendo anche meno di 250 euro.
Chi invece sarà costretto a pedalare sui rulli in maniera costante e vuole anche svolgere allenamenti di qualità (scatti, sfr, partenze da fermo), dovrebbe optare per un rullo Direct Drive.
Se le sedute in programma sono lunghe, anche l’interattività può essere un modo per rendere gli allenamenti più stimolanti e divertenti, ma ovviamente dipende dal budget che potete mettere sul piatto.

Di seguito, per rendere un po’ più semplice la scelta, riportiamo una selezione dei principali modelli di rulli per bici sul mercato (modello, foto, link e prezzi).
Dei marchi che hanno un catalogo molto ampio,  ne abbiamo scelti solo alcuni, selezionati tra le varie tipologie e fasce di prezzo.
Li trovate divisi per tipologia di fissaggio (Direct Drive, fissaggio al telaio, liberi) e ordinati per prezzo decrescente.
Tenete presente che qui abbiamo riportato i prezzi di listino, ma nei negozi specializzati e on line e possibile acquistare con degli sconti importanti.

DIRECT DRIVE

rulli per bici
MagneticDays Jarvis – 1900 euro. Possibile anche la formula del noleggio per 3 o 6 mesi.
rulli per bici
Technogym MyCycling – 1790 euro.
rulli per bici
Elite Drivo II – 1389,99 euro.
rulli per bici
Tacx Neo Smart – 1299 euro.
rulli per bici
CycleOps Hammer Direct Drive – 1299 euro.
rulli per bici
Elite Direto – 859 euro.



rulli per bici
Wahoo Kickr Core Smart – 799,99 euro.
rulli per bici
Elite Turno – 619 euro
rulli per bici
Tacx Flux S Smart – 599 euro.
rulli per bici
JetBlack WhisperDrive – 599 euro.
rulli per bici
Camorani rullo By Camo – 560,50 euro.

FISSAGGIO AL TELAIO

rulli per bici
BKool Smart Pro 2 – 574,00 euro.
rulli per bici
Kinetic Rock and Rroll Smart – 489 euro.
rulli per bici
BKool Smart Go – 399,99 euro.
rulli per bici
CycleOps Fluid2 – 299,99 euro.
rulli per bici
Elite Novo Force – 199,99 euro.
CycleOps Wind Trainer – 169,99 euro.
rulli per bici
Tacx Blue Matic – 159 euro.
rulli per bici
Decathlon Home trainer In’Ride 100 – 99,99 euro.



RULLI LIBERI

rulli per bici
Elite Quick Motion – 440 euro.
rulli per bici
Tacx Galaxia Roller – 249 euro.
rulli per bici
JetBlack R1 Rollers – 249 euro.

Qui trovate tutti gli articoli relativi a preparazione e allenamento pubblicati su BiciDaStrada.it.