Le gomme Schwalbe Pro One rappresentano un importante passo in avanti per la casa tedesca in termini di prestazioni e soprattutto di resistenza alle forature.
La precedente versione delle Schwalbe Pro One, sempre con sezione da 25 mm, non aveva dato risultati veramente convincenti, come avevamo mostrato in questo articolo, mentre con la nuova versione la faccenda cambia in modo radicale.
Le specifiche complete delle Pro One le trovate nell’articolo pubblicato in occasione della presentazione ufficiale, avvenuta circa un anno fa, che vi linkiamo qui in basso.
Più avanti potete leggere l’esito di questo test.

VIDEO – Nuovo Schwalbe Pro One: più leggero, più comodo, anche tubeless

1 – DETTAGLI TECNICI
– Struttura del copertone: 9,5
Le principali novità sono tutte qui: la carcassa è stata ridisegnata per consentire un risparmio di peso senza ridurre la resistenza alle forature.
La nuova carcassa è denominata Souplesse e ha una chiara destinazione tubeless.
Ad essa viene abbinata la banda centrale V-Guard contro le forature di una larghezza pari a 14 mm per il modello da 25 mm di sezione.

– Misure e versioni disponibili: 10
Schwalbe propone le misure di sezione più popolari, ovvero 25, 28 e 30 mm, per il diametro di 28”, mentre per i diametri di 27,5” propone le 25 e 28 mm e addirittura per i diametri 26” e 20” offre la sezione di 28 mm.
Volendo il Pro One esiste anche in versione TT, cioè una versione alleggerita per impieghi specialistici, e in versione tube tipe, cioè per camera d’aria.
Davvero difficile chiedere di più.

Schwalbe Pro One 25 mm

– Larghezza effettiva in mm: 8,5
Un altro aspetto sul quale Schwalbe ha lavorato molto arrivando a definire lo standard Etrto Road Tubeless, facilitando molto la vita all’utente finale ma anche a chi produce ruote e biciclette.
Nell’immagine in basso viene mostrato lo standard di cerchio con canale interno da 17 mm al quale chi produce gomme e ruote tubeless dovrà uniformarsi per assicurare le migliori prestazioni alle gomme tubeless.

Schwalbe Pro One 25 mm

Schwalbe suggerisce di montare le nuove Pro One su cerchi Etrto Road Tubeless compatibili di 19 mm per far in modo che la larghezza effettiva sia quella riportata sul fianco del copertone.
Quindi, se il copertone è da 25 mm, una volta montato avrà una larghezza effettiva di 25 mm.
Nel nostro caso, il test è stato condotto su un cerchio da 17 mm, ma non conforme all’Etrto Road Tubeless, ma la larghezza effettiva misurata con una pressione di 5,5 bar è stata di 26 mm.
Cioè una misura non troppo lontana da quella che ci si poteva aspettare.
In aggiunta a ciò, possiamo dirvi che le Schwalbe Pro One da 28 mm montate sulle ruote Enve SES 3.4 AR Disc con canale interno da ben 25 mm hanno dato luogo a una larghezza effettiva di 30 mm contro i 33 mm della versione precedente delle Pro One.
Questo conferma l’intento di Schwalbe di avvicinare quanto più possibile la larghezza effettiva e quella nominale.

 

– Mescole disponibili: 9
Ne abbiamo solo una, la Addix Race, di derivazione Mtb, che se la cava davvero molto bene.
Il grip in curva c’è e il fatto che la gomma sia tubeless ha aiutato moltissimo quando la guida diventa più impegnativa.
Sebbene ci sia solo una mescola disponibile, il voto alto è dovuto alle prestazioni di cui essa è capace.

Schwalbe Pro One 25 mm
Un primo piano della gomma posteriore al termine del test

– Peso: 9,5
Abbiamo misurato 245 gr, cioè un valore fra i più contenuti parlando di gomme tubeless.

– Prezzo: 8
Di listino siamo a 69,90€, cioè un costo elevato in assoluto, ma, ahimè, non lontano da quello dei concorrenti diretti.
In negozio e sul web, però, si trovano a prezzi più bassi.

Voto finale (da 1 a 10): 9,08

Schwalbe Pro One 25 mm

2 – PRESTAZIONI
– Scorrevolezza: 9,5
Il costo alto si fa “perdonare” con le prestazioni e sul fronte scorrevolezza, anche con pressioni più basse di 0,5 bar rispetto a quelle che si terrebbero con la versione per camera d’aria, le Schwalbe Pro One da 25 mm di ultima generazione non danno mai la sensazione di impedire il rotolamento delle ruote.
La sensazione di galleggiare sopra le asperità, specialmente le prime volte, è evidente se si riesce a trovare la pressione corretta, ossia il compromesso ideale fra scorrevolezza e comfort.
Nel mio caso, con ruote a profilo differenziato da 65 e 42 mm, larghezza interna del cerchio di 17 mm e un peso di 84 Kg mi sono trovato bene con 6 bar al posteriore e 5,7 bar all’anteriore.

– Tenuta di strada: 10
La sensazione che danno è di grande confidenza con la bici e la strada.
Invitano a dare fiducia alla ruota anteriore e a far salire la velocità.

Schwalbe Pro One 25 mm

– Comfort: 10
Nulla da dire: le gomme tubeless sono capaci di grande comfort senza penalizzare la scorrevolezza.
Anzi, la sensazione è che la gomma rotoli meglio sull’asfalto, soprattutto se rovinato.

– Durata: 9
Precisazione importante: la gomma posteriore è quella che ha manifestato, comprensibilmente, un’usura maggiore, a causa di un’aggravante importante: durante il lockdown è stata utilizzata (o forse sarebbe meglio dire sacrificata) sui rulli liberi per oltre 500 km secondo Zwift.
Come potete vedere dalle foto, gli indicatori di usura sul battistrada, ossia i fori presenti su di esso, indicano che la gomma anteriore può ancora essere utilizzata, mentre la posteriore, nella parte centrale, ha perso la forma tondeggiante per diventare piuttosto squadrata.
E l’indicatore di usura, nella foto in basso, dice è arrivata al capolinea.

Sulla gomma anteriore l’indicatore (evidenziato in giallo) mostra che il battistrada può ancora percorrere diversi km.
E intorno ad esso ci sono i segni di una foratura che è stata auto-riparata dal liquido sigillante. Continuate a leggere…
Sulla gomma posteriore l’indicatore di usura segnala che è arrivato il momento di sostituire la gomma

A mio avviso, se questa gomma fosse stata usata solo su strada, dopo i circa 1200 km del test (fra strade reali e strade virtuali) avrebbe mantenuto più a lungo il profilo tondeggiante.

– Resistenza alle pizzicature e/o forature: 10
Siamo ai livelli del competitor più forte, ossia Hutchinson.
Le Schwalbe Pro One, utilizzate con il liquido sigillante Schwalbe Doc Blue, hanno riparato da sole numerose forature di cui mi sono accorto solo controllando i residui di liquido sparati dalle gomme sul tubo piantone o sul tubo obliquo a fine uscita.
La pressione, nei casi in cui mi sono accorto della foratura, è calata di pochi decimi di bar.
A tale riguardo è bene dare questa indicazione: nel caso in cui notiate una foratura, ovvero la fuoriuscita di liquido sigillante da una gomma, la cosa migliore da fare è proseguire la marcia, con cautela, verificando quanto rapidamente cala la pressione.
– Se la pressione diminuisce con rapidità è possibile che la gomma sia tagliata in modo irrecuperabile, ovvero che il liquido non riesca a sigillare la foratura (foto in basso).

Foto scattata durante il test della precedente versione delle Schwalbe Pro One

In questo caso fermatevi, lasciate fuoriuscire tutto il liquido e montate una camera d’aria dopo aver rimosso la valvola tubeless.
– Se la pressione cala lentamente è possibile che il liquido stia facendo il suo dovere ed è consigliabile proseguire la marcia, sempre con cautela.
Dopo un paio di km, fermatevi e provate ad ispezionare il copertone.
Se notate una pellicola gommosa nera su una certa porzione del battistrada (foto in basso) significa che la foratura è stata riparata e che con il passare dei km il foro verrà definitivamente sigillato dal liquido.

Schwalbe Pro One 25 mm

Se invece notate una pellicola gommosa nera sotto la quale notate la presenza del liquido sigillante (di colore bianco, come nella foto in basso) l’operazione di sigillatura è ancora in corso.
Proseguite la pedalata con cautela, tenendo d’occhio la pressione della gomma in questione.

Schwalbe Pro One 25 mm

Al sottoscritto, durante il test, è capitato che si verificassero solo le ultime due situazioni descritte e in nessun caso ho dovuto smontare il copertone.
Se guardate bene le due foto di sopra, scattate a distanza di un paio di mesi, si riferiscono alla medesima porzione di battistrada sulla quale, casualmente, si sono verificate due forature, entrambe risolte dal liquido sigillante con una minima perdita di pressione.
Davvero un risultato grandioso.

Voto finale (da 1 a 10): 9,7

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 9,39

Schwalbe Pro One 25 mm

IN CONCLUSIONE
Le gomme tubeless stanno progredendo sempre di più e sono destinate a diventare lo standard di riferimento per tantissimi appassionati.
Le Schwalbe Pro One di nuova generazione rappresentano un netto passo in avanti in fatto di resistenza alle forature, tenuta di strada e comfort e il voto altissimo ottenuto (9,7) nell’ambito prestazioni per gomme tubeless lo conferma.
Con il plus di una proposta di misure davvero ampissima.

Se volete apprendere di più sulle gomme tubeless per bici da strada, date uno sguardo al nostro archivio e al tutorial su come istallarle correttamente:

VIDEO – Gomme tubeless per bici da strada: pro-contro e il montaggio

Per informazioni Schwalbe.com



VALUTAZIONE IN SINTESI
Dettagli Tecnici
9.08
Prestazioni
9.7