Parlando di bici da strada endurance il concetto chiave è questo: per andare più forte non occorre per forza sacrificare il comfort.
Ovvero: se una bici è comoda non per forza è anche lenta.
E la Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2 oggetto di questo lungo test è la bici che conferma quanto detto.
Se si guarda la scheda tecnica e le scelte fatte a livello di geometria si nota che l’attenzione al comfort c’è e diventa ancora più evidente quanto ci si siede in sella.
Un esempio?

Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2



Il tubo sterzo da 17,3 cm di lunghezza in tg 56 (quella usata nel test dal sottoscritto) e, di conseguenza, uno stack da 59 cm, un carro da 41 cm (tutto sommato ancora accettabile in chiave racing) e un tubo piantone di lunghezza ridotta (52 cm in tg 56) per favorire la flessione del reggisella Save da 25,4 mm di diametro.
E migliorare l’assorbimento delle micro asperità della strada.
Il risultato al quale arriva questa bici è la somma di tante piccole accortezze costruttive e geometriche che realmente migliorano il comfort in sella.

Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2

Facile, direte voi, con le gomme Vittoria Rubino Pro da 28 mm di sezione, un paio di ruote, le Fulcrum Racing 600 DB, il cui cerchio in alluminio con profilo basso e la sella Fabric Scoop Shallow Sport ben imbottita migliorano la “morbidezza” della seduta, ma in realtà è usandola su distanze oltre, ma anche ben oltre i 100 Km che ci si accorge dei benefici.
E gli svantaggi?
Non mancano di certo, ma di questi parleremo dopo il video, nel quale, comunque, vengono menzionati.

1 – DETTAGLI TECNICI TELAIO
– Geometria: 10
La Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2 è ha una geometria molto ben bilanciata fra le esigenze agonistiche (intese come granfondo o gare come la Parigi-Roubaix) e le esigenze di comfort.
Per favorire l’indole racing Cannondale ha utilizzato un angolo di sterzo di 73° e una forcella con rake di 45 mm (in tg 56), un tubo piantone da 73,5° e un carro da 41 cm e, vista la possibilità di montare gomme fino a 32 mm di sezione, è una misura di tutto rispetto.

Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2

Per riuscire in ciò ha operato una curvatura del tubo piantone (foto sopra), in modo da ospitare la ruota posteriore anche con gomme di sezione (e quindi altezza) maggiorata.
Per favorire il comfort, invece, ha alzato prima di tutto il manubrio, allungando fino a 173 mm il tubo di sterzo (sempre in tg 56) e riducendo la lunghezza del tubo piantone, per aumentare l’inclinazione del tubo superiore e quindi aumentare le oscillazioni del reggisella in fibra di carbonio Save da 25,4 mm di diametro.

Inoltre, ha previsto delle zone soggette a una flessione controllata sul telaio, in particolare nei punti mediani di foderi alti e bassi, foderi della forcella e tubo piantone.
Senza però perdere in rigidità torsionale, come dimostrano le elaborazioni sul profilo dei foderi posteriori e del tubo piantone.

Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2

– Assetto in sella: 10
Sono alto 180 e pedalo con un’altezza di sella di 74,5 cm e la tg 56 mi calza a pennello.
Ho solo provveduto ad aumentare il dislivello sella-manubrio eliminando gli spessori sotto l’attacco manubrio e utilizzando un elemento superiore della serie sterzo di altezza più contenuta, come si può vedere nella foto sopra.
Nel complesso mi sono subito sentito a mio agio ed affrontare la GF Strade Bianche non mi ha creato alcun risentimento muscolare o articolare, né durante, né dopo la gara.
Feeling davvero immediato e sin da subito, sulle mie strade, ho avvertito la morbidezza di questa bici.
E quando la prima volta mi sono alzato sui pedali, però, mi ha sorpreso…

Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2

– Cura costruttiva: 9,5
Nulla da eccepire: la Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2 è ben realizzata e anche se il telaio non è della serie Hi-Mod (la più pregiata e leggera) è facile apprezzare la precisione (e la silenziosità) del passaggio interno dei cavi, la fermezza del servaggio del reggisella (che è di tipo a scomparsa) e il posizionamento sul tubo obliquo del Junction A dello Shimano Ultegra DI2.

Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2

Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2

Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2

Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2

– Componentistica utilizzata: 9
Una nota di merita (l’ennesima) per il gruppo Shimano Ultegra DI2, ovvero il gruppo elettromeccanico di casa Shimano più abbordabile, ma sempre molto efficace e preciso.
Se state pensando a questa bici il consiglio è di valutare l’acquisto di un modello con cambio elettromeccanico che, sì, aumenta un po’ il peso, ma permette una cambiata sempre veloce e affidabile, anche in presenza di abbondante polvere, come accaduto alla Strade Bianche e come potrebbe accadere utilizzando questa bici anche in chiave semi-gravel.

VIDEO – La mia GF Strade Bianche 2019 e quel ciclista animale di 17 anni…

Con la possibilità di arrivare fino a 32 mm di sezione sulle gomme, la Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2 è una bici senza dubbio molto versatile.
La guarnitura Cannondale SI con corone FSA 50-34 è un “gran bel pezzo” in lega con una forte impronta stilistica del marchio americano e arriva anche a caratterizzare l’estetica della bici.

Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2

Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2

Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2

Il pacco pignoni 11-34, invece, è un elemento che può destare amore oppure odio.
Amore, se non avete necessità di pedalare spesso in gruppo o in gara ma vi trovate ad affrontare, alla vostra andatura, pendenze anche molto impegnative, lunghe e magari anche in off-road (dove è obbligatorio restare seduti in sella).
Odio, se avete un’indole agonistica e se uscite spesso in gruppo, perché il salto di sviluppo metrico fra un rapporto e l’altro quasi mai riesce a darvi la cadenza di pedalata che cercate.
Però si risolve facilmente sostituendolo, magari anche prima di far uscire la bici dal negozio e in tal caso, però, il consiglio è di non scendere sotto un 28 come pignone più grande, perché in abbinamento al 34 davanti vi darebbe quella demoltiplicazione della pedalata che vi permetterebbe di soffrire un po’ meno il peso di 8,4 Kg della bici quando siete in salita.

– Peso bici: 8
Per questa categoria di bici e per questo prezzo gli 8,4 Kg rilevati (e dichiarati) sono un buon valore, ma in assoluto, certamente, non è contenuto, soprattutto se si considera che in assetto “pronti per uscire” si arriva vicino ai 9 Kg.
Attenzione al prezzo, però.

– Prezzo bici: 9
Parliamo di 4499€, cioè un modello di gamma medio-medio alta e con molte caratteristiche di pregio.
Abbiamo chiesto a Cannondale proprio questo modello perché ha un allestimento di pregio e prestazioni di tutto rispetto (come detto nel video e come state per leggere) quando le si chiede di andare veloce.

– Garanzia sul telaio: 10
Da sempre Cannondale offre la garanzia a vita sui telaio, valida solo per il primo proprietario.

Voto finale (da 1 a 10): 9,35

Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2
Il reggisella Save ha un diametro volutamente molto ridotto per accentuare la flessione e migliorare l’assorbimento delle micro asperità stradali

2 – COMPORTAMENTO IN SALITA
Mettete da parte il peso non da scalatrice e alzatevi sui pedali.
Che cosa vi aspettereste da una bici da strada endurance?
Una risposta “morbida” e filtrata dal telaio, con la complicità di gomme non pensate per andare veloce.
Nulla di più sbagliato.
Quando le si chiede di essere reattiva questa bici riesce ad esserlo, ovviamente nei limiti impostigli dalle ruote di serie.
La prima volta che ho impresso più forza sui pedali, quando la strada ha iniziato a salire in modo netto, ho capito che questa bici, nonostante i dispositivi Safe e Speed Safe, è ancora una bici per correre.

Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2

E ho iniziato ad immaginarla con ruote con cerchio in fibra dal profilo più alto, rapporti meno demoltiplicati (vogliate scusare questa insopportabile deriva racing…), perché il resto c’è già.
La risposta è rapida e il cambio Shimano Ultegra DI2 asseconda quelle velleità agonistiche che, mai come nel mese delle Classiche del Nord, sono ai massimi livelli.
“Ecco – ho pensato, sorridendo – la bici per la Parigi-Roubaix di tutti i giorni…”

Voto finale (da 1 a 10): 8,5

Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2

3 – COMPORTAMENTO IN DISCESA
Il tubo di sterzo più alto impone una posizione del busto rialzata, cosa che favorisce il comfort, ma che in discesa ti impone di spostarti di più verso la ruota anteriore, per darle aderenza e migliorare l’aerodinamica.
Per il resto vale il discorso fatto per la salita: i valori scelti per l’angolo di sterzo e il rake della forcella la rendono una bici sveglia, rapida e veloce.
Mi sono sentito subito a casa, merito anche dei freni a disco e delle gomme Vittoria Rubino Pro da 28 mm: grip fantastico.

Voto finale (da 1 a 10): 9,5

Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2

4 – COMPORTAMENTO IN PIANURA
Qui il peso non si fa sentire e si apprezzano il comfort e la reattività del telaio.
Davvero una bici per andare lontano e, volendo, anche velocemente se le gambe lo permettono e/o se le ruote diventano più “cattive”.
La sella Fabric si è rivelata comoda e, per quanto questa sia una valutazione molto soggettiva, non mi ha richiesto molte regolazioni per trovare la posizione in sella ottimale.

Voto finale (da 1 a 10): 10

Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2

In conclusione
La Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2 è una bici che mi ha stupito.
Se la bilancia, sulle prime, mi ha scoraggiato, una volta in sella ho capito che a questa bici (e a bici come questa) è bene dare una chance prima di scartarla e di passare a qualcosa di più racing.
In realtà non è meno racing di altre bici dichiaratamente racing, ma lo fa in una maniera meno vistosa, anzi, meno evidente perché i pro’ la usano poco spesso e quindi siamo portati a pensare che non sia abbastanza valida.
Salvo che noi non siamo dei pro’ e che la nostra Parigi-Roubaix settimanale (o quotidiana, fate voi) comunque ce la dobbiamo sorbire a causa di strade bellissime come panorama e scenari, ma spesso, troppo spesso, pessime come manto stradale.
Allora, fermatevi un attimo e provate a rivalutare una bici come la Cannondale Synapse Carbon Disc Ultegra DI2.
Magari queste bici da strada endurance hanno qualcosa che fa anche al caso vostro.

Qui altri articoli sulle bici da strada endurance

Per informazioni Cannondale.com



VALUTAZIONE IN SINTESI
Dettagli tecnici
9.35
Comportamento in salita
8.5
Comportamento in discesa
9.5
Comportamento in pianura
10