Ve lo avevamo mostrato in anteprima in occasione dell’Italian Bike Festival di Misano, ma da oggi il nuovo Bryton Gardia R300 è concretamente disponibile in Italia.

Si tratta di un radar posteriore che si aggiunge agli ormai conosciutissimi dispositivi Varia di Garmin e al nuovo Magic Shine Seemee 508, ma che si propone con un prezzo di listino decisamente più basso: 129,95 euro.

Bryton Gardia R300: caratteristiche tecniche

Il radar è in grado di rilevare veicoli in avvicinamento da dietro fino a 150 metri di distanza, inviando avvisi video e audio ai ciclocomputer compatibili (Bryton, ma anche di altri marchi) o, in alternativa, all’App Gardia.
Inoltre, quando i veicoli si stanno avvicinando, il fanale posteriore cambia automaticamente il lampeggio per rendere il ciclista più visibile.

La luce posteriore ha una potenza massima di 73 lumen, con un angolo di illuminazione di 220 gradi.
Il peso dichiarato è di 66 grammi.
La connettività è sia Ant+ che Bluetooth, mentre lo standard di impermeabilità è il classico IPX7.

bryton gardia r300

bryton gardia r300

Cambio luce automatico e rilevamento di frenata

Il Bryton Gardia R300 può essere impostato su 5 differenti modalità di illuminazione: alta fissa, bassa fissa, gruppo, flash giorno, flash notte. Oppure può essere usato solo come radar, con luce spenta.

La modalità può essere scelta tramite una pressione breve del pulsante di accensione (posto sulla parte alta dello strumento, foto sotto), ma si può optare anche per il cambio di luminosità automatico.
In questo caso, quando collegato ad un ciclocomputer compatibile, il Gardia R300 utilizzerà il sensore di luce integrato nel computer per regolare la luminosità in base alle condizioni di luce ambientali. Se viene rilevata luce sufficiente, la luce posteriore passerà al flash diurno per risparmiare la batteria; quando si pedala in condizioni di scarsa illuminazione, la luce posteriore passerà automaticamente al flash notturno. 

bryton gardia r300

La modalità flash giorno dovrebbe garantire una visibilità fino a 1,6 km di distanza.

Inoltre, grazie al sensore-G integrato, lo strumento rileva quando l’utente frena e lo segnala ai veicoli alle spalle con una luce di frenata a intensità luminosa aumentata, riducendo il rischio di tamponamento.

Supporto di montaggio

Il Bryton Gardia R300 è dotato di un sistema di montaggio all-in-one, diverso rispetto a quelli del Varia e del Magic Shine. Si tratta di una staffa con una fibbia in silicone con diversi punti di fissaggio che, grazie ad un adattatore per reggisella aero, secondo l’azienda taiwanese è compatibile con reggisella da 27,2 mm, 30,9 mm, 31,6 mm, a sezione D o a sezione aero. 

bryton gardia r300

Durata della batteria

La durata della batteria dipende dalla modalità di lampeggio scelta. Inoltre, Bryton sottolinea che le luci di frenata e di avvertimento possono influire sulla durata effettiva.

In ogni caso, le durate dichiarate sono le seguenti:
alta fissa: 20 lumen con un’autonomia dichiarata di 8 ore;
bassa fissa: 5 lumen con un’autonomia dichiarata di 12 ore;
gruppo: 12 lumen con un’autonomia dichiarata di 11 ore;
flash giorno: 73 lumen con un’autonomia dichiarata di 17 ore;
flash notte: 12 lumen con un’autonomia dichiarata di 17 ore;
solo radar: luce spenta, autonomia dichiarata di 24 ore.

Per estendere ulteriormente la durata della batteria, quando il livello è basso, l’intensità della luce viene automaticamente abbassata.

Tramite l’App Gardia o i ciclocomputer compatibili la durata della batteria non è fornita in percentuale, ma visualizzando direttamente le ore di autonomia rimaste, così da avere un’informazione più precisa.

Abbiamo appena ricevuto un Bryton Gardia R300 da testare.
Le prime impressioni ci sono sembrate ottime, ma vi diamo appuntamento tra qualche settimana per il test completo e, magari, per un confronto diretto con il Garmin Varia RTL515 e con il Magic Shine Seemee 508.

Il Gardia R300 è distribuito in Italia da CicloPromoComponents.

Per maggiori informazioni:
brytonsport.com
ciclopromo.com