Il Lazer Genesis è l’ultimo nato tra i prodotti del brand belga.
E’ uno dei caschi più leggeri mai realizzati da Lazer, ma il peso contenuto non è l’unico dettaglio degno di nota.

Un sistema di chiusura brevettato garantisce una calzata davvero comoda e a questo si aggiunge anche un’ottima ventilazione.

Lazer Genesis

Il test di questo casco è iniziato in inverno, ma abbiamo volutamente atteso la fine del lockdown per metterlo alla prova anche con temperature più alte.
Qui sotto trovate il video con le nostre impressioni, più in basso i voti relativi a dettagli tecnici e prestazioni.




DETTAGLI TECNICI
– Materiali utilizzati: 9
Il Genesis è uno dei prodotti top di Lazer, non a caso sarà utilizzato anche dai pro’ dei Team World Tour sponsorizzati dal marchio belga.

La struttura è realizzata con tecnologia In-Mold.
I cinturini sono morbidi e comodi.
Le grafiche ben curate.

– Regolazioni consentite: 9
Il sistema di chiusura micrometrica rappresenta una delle peculiarità di questo casco, poiché non avviene con la classica rotellina posizionata sulla nuca, ma con una ghiera che si trova sulla parte alta del casco, che Lazer chiama Advanced Rollsys System (per il Genesis realizzata in versione superleggera).

Forse è un po’ meno intuitivo di un sistema classico, ma a nostro avviso è più comodo perché elimina ogni punto di pressione.

Lazer Genesis

Per trovare la calzata ottimale il Genesis è dotato anche di una regolazione verticale a 5 posizioni, che ormai troviamo in quasi tutti i caschi di alta gamma.

– Dettagli tecnici: 9,5
Del comfort del sistema di chiusura ARS vi abbiamo già detto al punto precedente.
Tra i dettagli tecnici segnaliamo ben 22 prese d’aria e la doppia opzione di scelta delle imbottiture interne: quella classica, per garantire il massimo comfort, e quella race, minimale e pensata per ridurre il peso di qualche grammo.

Infine, altro aspetto interessante, anche se non compreso in dotazione, è la compatibilità con la calotta Lazer Aeroshell, in grado di aumentare l’aerodinamica del casco, ma soprattutto di garantire una protezione aggiuntiva nelle giornate fredde e piovose.

– Omologazione: 9
Il casco venduto sul mercato europeo è dotato dell’omologazione CE EN 1078.

– Colori disponibili: 9,5
Il Lazer Genesis è distribuito in 7 differenti colori: black, flash orange, flash yellow, matte titanium (quello che vedete in queste foto), white, red black, blue grey.

La versione Mips, invece, è disponibile in 5 varianti di colore: black, white, blue grey, flash orange, flash yellow.

– Peso: 9,5
Il peso rilevato del casco Lazer Genesis, con imbottitura comfort e in taglia M, è di 210 grammi.
L’imbottitura race permette di risparmiare 4 grammi. Non è il più leggero in assoluto sul mercato, ma comunque uno dei più leggeri.

– Prezzo: 8
Il prezzo al pubblico è di 219,99 euro, in linea (anzi, forse anche più basso) dei top di gamma della maggior parte dei competitor. Nella versione Mips il costo sale a 239,99 euro.
Tenete presente che nel costo Lazer offre la possibilità di avere uno sconto sull’acquisto di un nuovo casco in caso di rottura e l’opzione rimborso entro 30 giorni se non siete soddisfatti del prodotto.
Per termini e condizioni precise consultate il sito lazersport.com

Voto finale (da 1 a 10): 9,1

PRESTAZIONI
– Comfort della calzata: 10
Il comfort della calzata, almeno con l’imbottitura comfort, è davvero ottimo.
La calotta è ben disegnata, ma a nostro avviso gran parte del merito va al sistema di chiusura Advanced Rollsys System, che distribuisce la pressione su tutta la circonferenza della testa riducendo al minimo i fastidi, anche quando il casco è stretto al massimo.

– Ventilazione: 10
La ventilazione è un altro punto di forza del Lazer Genesis.
Dotato di ben 22 prese d’aria e di un sistema di canalizzazione dell’aria che massimizza l’efficienza di raffreddamento, questo casco svolge davvero in modo egregio il suo lavoro.

Abbiamo volutamente allungato la tempistica del test per metterlo alla prova con i primi veri caldi e l’esito è stato molto positivo, anche in salita e a basse velocità.

Lazer Genesis

– Estensione della copertura: 9
La calotta ha uno spessore importante nella zona della fronte, offrendo un’elevata protezione anteriore. Buona anche l’estensione della protezione posteriore.

– Calzata: quale taglia scegliere? 9
Le taglie disponibili sono 3: S, M ed L.
Sul sito Lazer è disponibile una tabella per scegliere con più facilità la misura giusta in base alla circonferenza della testa.

Per il test ho utilizzato una taglia M (quella che uso abitualmente con tutti i caschi) e mi sono trovato bene, anche se forse la calzata è leggermente più abbondante rispetto ad altri marchi.
Per intenderci, per calzarlo alla perfezione l’ho dovuto sempre stringere al massimo.

Voto finale (da 1 a 10): 9,5

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 9,3

Lazer Genesis

IN CONCLUSIONE…
Il Lazer Genesis è ideale per chi mette leggerezza e ventilazione davanti a tutto.
Un prodotto ottimo per affrontare lunghe salite, anche nelle giornate estive più torride.

La possibilità (anche se opzionale) di utilizzare la cover Aeroshell lo rende ancor più versatile, migliorandone, al bisogno, aerodinamica e protezione dagli agenti atmosferici.
Insomma, con l’aggiunta dell’Aeroshell è un casco che si può usare tutto l’anno e su ogni percorso.

Il vero punto di forza, a nostro avviso, è il comfort della calzata, che ne fa un prodotto perfetto per chi sta in sella tante ore, in gara o in allenamento.

Scheda Tecnica in sintesi

  • Omologazioni: CE EN 1078
  • Peso: 210 grammi in taglia M 
  • Taglie: S, M e L
  • Prezzo: 219,99 euro (non MIPS)/239,99 euro (MIPS) 
  • Colori disponibili: 7

Per  maggiori informazioni: lazersport.com
In Italia i caschi Lazer sono distribuiti da Shimano

Qui trovate tutti gli altri test pubblicati su BiciDaStrada.it



VALUTAZIONE IN SINTESI
Dettagli tecnici
9.1
Prestazioni
9.5