Cosa è successo sui social dei campioni della Tirreno-Adriatico dopo la spettacolare tappa di Castelfidardo?

Il circuito finale di 23 chilometri da ripetere 4 volte ha fatto letteralmente “esplodere” la corsa, ma il merito va in particolare ad uno scatenato Mathieu Van der Poel che ha attaccato quando mancavano ancora 70 chilometri all’arrivo, portando via un gruppetto composto da van Aert, Pogačar, Higuita e Bernal.

social dei campioni



Sul punto di essere ripresi dagli inseguitori, l’olandese ha attaccato di nuovo e si è reso protagonista di una cavalcata di 52 chilometri che lo ha portato a vincere la tappa, ma con soli 10″ su Pogačar e 39″ su Van Aert, anche loro grandi protagonisti della tappa e di tutta la corsa.

Con molta probabilità Van der Poel è andato in “crisi di fame” a causa del freddo, dello sforzo e della mancata alimentazione (lo abbiamo visto mangiare una barretta a 5 chilometri dall’arrivo, quando ormai era troppo tardi per essere assimilata).
Quella che sembrava una cavalcata trionfale fino al traguardo, si è trasformata quindi negli ultimi chilometri, in un vero e proprio calvario.

Ma come hanno vissuto questa epica tappa i corridori in gruppo?
Siamo andati a curiosare tra i social dei campioni per scoprire quali sono state le loro sensazioni a caldo, partendo proprio dal vincitore Mathieu Van der Poel.
Sintetico, ma molto chiaro, il messaggio del fuoriclasse olandese: “Luci spente. Buonanotte!”.

In un’intervista post gara ha anche dichiarato di aver attaccato perché sentiva troppo freddo e che spera di recuperare in tempo per la Sanremo. Sforzi del genere restano nelle gambe e questo sarà un fattore da valutare in ottica Classicissima…

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MVDP (@mathieuvanderpoel)

L’altro grande protagonista di giornata è stato Tadej Pogačar, che ha sfiorato la clamorosa rimonta con un’azione da vero fuoriclasse.
Non solo è arrivato vicinissimo a Van der Poel, ma ha anche distanziato ulteriormente van Aert in ottica classifica generale.

Pogačar tramite i social ha ribadito la durezza della giornata appena vissuta, ha ringraziato la squadra e ha fatto i complimenti a Van der Poel, dimostrandogli estrema stima:
“È stata una giornata dura e fredda. Fortunatamente le mie gambe non si sono congelate. Grazie per questo fantastico lavoro della squadra. Chapeau Mathieu Van der Poel. Che corsa.”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Tadej Pogačar (@tadejpogacar)

Chiudiamo il podio di giornata con Wout van Aert, sempre protagonista in tutte le tappe, che anche ieri ha lottato fino alla fine.

Con una foto simpatica, accompagnata dalla domanda “Cosa hai fatto domenica?”, ha lasciato capire bene quanto sia stata dura la tappa…

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Wout van Aert (@woutvanaert)

Poi c’è Egan Bernal, che è stato autore di uno dei post più ironici, nonostante le difficoltà patite durante la tappa…

Ecco quello che ha scritto su Instagram:
“Che bella giornata di merda. Ma la cosa peggiore è che mi diverto nonostante il freddo e la pioggia. Questo è il ciclismo che mi piace. Grazie ancora Pavel Sivakov, grande lavoro. PS: Mi hanno dovuto aiutare per togliermi i vestiti dopo la gara per il freddo che avevo e oggi dormirò come un bambino.”

Chiude il post con il famoso hashtag #bocciettinilunghi diventato virale qualche anno fa grazie ad video di una squadra juniores italiana impegnata in una gara con condizioni simili a quelle di ieri.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Egan Bernal (@eganbernal)

La quinta posizione in classifica è andata a Matteo Fabbro, vera conferma di questa Tirreno-Adriatico.
Guardate come ha reintegrato dopo la tappa di ieri.
Sembra che anche le caramelle siano importanti:
“Maglia, cappello, asciugamano, caramelle e rigorosamente i proteini post tappa!”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Matteo Fabbro (@matteo_fabbroo)

Davide Formolo è stato protagonista di un grande lavoro di squadra per il suo capitano Tadej Pogačar.
“È stata una dura giornata tra le colline marchigiane, stavo lavorando per tenere la situazione sotto controllo quando il campione mi dice: la miglior difesa è l’attacco. Veramente orgoglioso di te amico!”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Davide Formolo (@davideformolo)

Nell’azione buona prima dello scatto di Van der Poel c’era anche Sergio Higuita che sembrava decisamente “in palla” nonostante il gran freddo e l’acqua.
Invece, come ha dichiarato anche lui, da lì a poco si sarebbe “congelato come un pinguino”:
“Oggi eravamo in lotta finché non mi sono congelato come un pinguino. Ho sofferto di ipotermia e per smettere di battere i denti ho dovuto indossare un poncho.”

Infine, anche i nostri Alessandro de Marchi e Fabio Felline si sono resi protagonisti di una grande tappa, arrivando entrambi nella top ten, rispettivamente al quarto e all’ottavo posto.

Ecco quello che ha postato Alessandro De Marchi:
“Modalità sofferenza. Metti insieme la tappa regina della Tirreno-Adriatico, con un po’ di pioggia, un po’ di vento e strade bagnate. Aggiungi qualche corridore super forte che impazzisce… e questo è il risultato!”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alessandro De Marchi (@alessandro_demarchi)

Mentre Fabio Felline:
“Giornata folle alla Tirreno Adriatico. Pioggia, freddo, vento erano nel menù come in una classica.”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da FabioFelline (@fabio_felline)

Qui potete trovare tutti i nostri approfondimenti sulla Tirreno-Adriatico 2021.

Per restare sempre connessi con contenuti e news pubblicati su BiciDaStrada.it mettete un mi piace sulla nostra pagina Facebook ufficiale oppure seguiteci su Google News.