Le Bontrager Aeolus XXX 4 sono le nuove ruote di altissima gamma del brand americano legato a Trek.
Sono il frutto di un grande lavoro di ricerca e sviluppo svolto in galleria del vento per ottimizzare forme e profili, in modo da ottenere una ruota aerodinamica e stabile in ogni condizione, capace di non andare in crisi anche in caso di vento laterale.

I modelli Aeolus XXX sono disponibili con tre profili differenti, per soddisfare le diverse esigenze dell’utilizzatore finale. Si parte dai 28 mm, per chi ricerca la massima leggerezza, per poi passare a 47 e 60 mm. Da notare che i tre prodotti non presentano solo un’altezza differente, ma anche forme del cerchio diversificate e studiate per offrire sempre il miglior compromesso tra aerodinamica, qualità di guida e stabilità. Tutti i modelli sono disponibili sia in versione disc che caliper, per tubolare o copertoncino/TLR.

Ruote Bontrager Aeolus XXX 4



Noi abbiamo testato il modello Aeolus XXX 4 TLR per freno caliper, probabilmente il modello più versatile e adatto a chi cerca una ruota unica per affrontare ogni percorso.
Ecco le nostre impressioni della prova su strada che è durata oltre un mese su percorsi e nelle condizioni più diverse.

Ruote Bontrager Aeolus XXX 4

 1 – DETTAGLI TECNICI
– Caratteristiche dei cerchi: 9,5
I cerchi sono sicuramente l’elemento più interessante delle nuove ruote Bontrager Aeolus XXX 4. Sono prodotti nella sede americana di Trek, in Winsconsin, con carbonio OCLV XXX che combina materiali di prima qualità e resine a temperature elevate e con processi produttivi all’avanguardia.

Il profilo è da 47 mm, mentre la larghezza del canale interno è da 21 mm, per garantire maggiore comfort e stabilità. La forma del cerchio è arrotondata, ma non in maniera così evidente come in altre ruote di uguale categoria presenti sul mercato. Da sottolineare che le forme sono state studiate e differenziate nei tre profili disponibili per i modelli XXX (28,47 e 60 mm). Tale differenziazione è il risultato finale di un grande lavoro di analisi e ricerca, durante il quale Trek ha progettato e collaudato oltre 10.000 prototipi prima di arrivare al risultato finale nei tre profili.

Ruote Bontrager Aeolus XXX 4

Il cerchio è predisposto per il montaggio del tubeless e insieme alle ruote troverete già le valvole ust.
Da notare la pista frenante Laser Control Track, che garantisce una frenata sicura in ogni condizione e che dopo oltre un mese di utilizzo intenso si presenta ancora come nuova, senza alcun segno di usura o di gomma lasciata dai pattini.

Ruote Bontrager Aeolus XXX 4
Il cerchio è prodotto in America. Ha un profilo da 47 mm e un canale interno da 21 mm. Da notare la pista frenante Laser Control Track che garantisce performance veramente notevoli.

– Caratteristiche dei raggi: 9
I raggi utilizzati sono i Dt Swiss Aerolite forgiati a freddo, ormai una garanzia da anni. Sulla ruota anteriore ne troviamo 18, montati in modo radiale. Sulla posteriore sono 24, incrociati in seconda dal lato ruota libera e radiali sul lato opposto. Un ottimo compromesso tra leggerezza e rigidità torsionale.

Ruote Bontrager Aeolus XXX 4

– Caratteristiche dei mozzi: 9,5
I mozzi sono sempre prodotti da Dt Swiss partendo dalla piattaforma del modello 240, ma con una forma specifica realizzata appositamente per Trek. Sul posteriore abbiamo un cricchetto a stella a 36 denti per un ingaggio molto rapido. Si fanno notare, come accade di solito per i mozzi dell’azienda svizzera, per l’eccezionale scorrevolezza.

Ruote Bontrager Aeolus XXX 4
I mozzi sono prodotti da Dt Swiss, con specifiche forme richieste direttamente da Bontrager. Qui vedete il sistema di cricchetti interno al corpetto.

– Peso: 9,5
Abbiamo rilevato un peso (senza sganci) di 650 grammi per la ruota anteriore e 810 grammi per la posteriore, per un valore complessivo di 1460 grammi. Un risultato di assoluto rilievo per una coppia di ruote con profilo da 47 mm per copertoncino e predisposte tubeless ready. Da notare che Trek non segnala nemmeno nessun limite di peso per l’utilizzatore.

 – Prezzo: 7
Il prezzo è di 2.399,89 euro la coppia e costituisce la nota dolente delle Aeolus XXX 4. E’ comunque in linea con i competitor di alta gamma presenti sul mercato ed è giustificato dalla produzione del cerchio realizzata in America e dall’attività di ricerca e sviluppo che ha portato al prodotto finale.



– Garanzia: 6,5
2 anni
, ai quali si aggiunge il programma Carbon Care, che permette di sostituire le ruote ad un prezzo scontato in caso di rotture non coperte da garanzia. Per i dettagli sulla percentuale di sconto è necessario rivolgersi al vostro rivenditore di zona, ma qui potete leggere come funziona il programma https://www.trekbikes.com/it/it_IT/carbon_care/#comp_CarbonCare1Up1

Voto finale (da 1 a 10): 8,5

Ruote Bontrager Aelous XXX 4

2 – PRESTAZIONI
– Comportamento in salita: 9,5
Le Bontrager Aeolus XXX 4 ci hanno dato soddisfazioni veramente su ogni terreno. Pur utilizzando un profilo da 47 millimetri, votato ad ottenere la migliore resa aerodinamica, vanno benissimo anche in salita. Sono perfette sulle salite pedalabili, anche grazie alla scorrevolezza dei mozzi, ma non soffrono nemmeno le pendenze a doppia cifra, dove grazie alla rigidità laterale si rilanciano con facilità quando ci si alza sui pedali.

 – Comportamento in discesa: 9,5
In discesa ci hanno veramente sorpreso per agilità e facilità di guida, ma soprattutto per potenza della frenata. Si inseriscono facilmente in curva e mantengono bene la traiettoria. Ovviamente, anche se il profilo Speed Stability Shaping aiuta molto, in caso di forte vento laterale è necessaria un po’ più di attenzione nell’affrontare le curve più veloci.

Il vero punto di forza, però, è la frenata. Prestazioni che onestamente non ci saremmo aspettati da una ruota con pista in carbonio. La potenza e la modulabilità sono notevoli in tutte le condizioni, anche sul bagnato, e si possono veramente paragonare a quelle di una ruota con pista in alluminio.

Ruote Bontrager Aeolus XXX 4
La frenata è uno dei punti di forza delle ruote Bontrager Aeolus XXX 4. Attenzione solo all’usura un po’ prematura dei pattini.

I pattini da utilizzare sono esclusivamente quelli forniti di serie, cioè gli SwissStop Black Prince Carbon. L’unica nota stonata viene proprio dall’usura dei pattini, che è decisamente rapida, pur a fronte di prestazioni elevate.

 – Rigidità torsionale: 9
Il profilo da 47, abbinato ai raggi piatti (18 sull’anteriore e 24 sul posteriore) conferiscono alla ruota un’ottima rigidità laterale, che si apprezza soprattutto in fase di scatto e rilancio, sia in pianura sia in salita. Non danno mai la sensazione di disperdere energia.
 Ruote Bontrager Aeolus XXX 4

– Scorrevolezza: 9,5
Vi abbiamo già anticipato in precedenza come le doti di scorrevolezza dei mozzi Dt Swiss non siano una novità. Ce ne siamo accorti su ogni terreno, ma in particolare lungo le discese veloci o le uscite in gruppo, dove stando ben coperti è possibile pedalare davvero poco, risparmiando energie preziose. Questa capacità di mantenere la velocità, ovviamente, è dovuta anche al profilo del cerchio da 47 mm.
 

Ruote Bontrager Aeolus XXX 4
I mozzi di realizzazione Dt Swiss garantiscono una scorrevolezza ottimale

– Comfort: 9,5
La comodità, insieme alle prestazioni in frenata, è la caratteristica che ci ha maggiormente sorpreso durante il test, considerando sempre che si tratta di ruote ad alto profilo con raggi piatti, destinate quindi alla ricerca delle massime prestazioni.
Il profilo interno da 21 mm, associato ad un copertoncino da 25 mm (le ho provate con pneumatico Bontrager R3), svolge perfettamente il suo compito, assorbendo con efficacia le asperità del terreno. La comodità è notevole anche utilizzando pressioni di gonfiaggio elevate, tra 7,5 e 8 bar (la pressione massima sopportata dal cerchio è di 8,25 bar).

Ruote Bontrager Aeolus XXX 4
Il canale interno del cerchio da 21 mm e il copertoncino Bontrager R3 da 25mm offrono un comfort davvero notevole.

Le ho testate solo in versione camera d’aria, ma siamo sicuri che l’utilizzo del tubeless possa accrescere ulteriormente il comfort, riducendo al minimo il rischio di forature (in oltre un mese di utilizzo, in ogni caso, non abbiamo mai forato neanche con la camera d’aria).

 – Resistenza del cerchio agli impatti: 10
Poco più di un mese di utilizzo non ci fornisce un parametro assoluto, ma vi assicuriamo che le strade su cui pedalo abitualmente in Umbria non sono per niente messe bene. Le ruote, dopo un utilizzo volutamente intenso e stressante, non presentano la minima scalfitura. In generale ci hanno trasmesso una grande sensazione di sicurezza e affidabilità, soprattutto se raffrontate al peso di soli 1.460 grammi.

Voto finale (da 1 a 10): 9,5

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 9

Ruote Bontrager Aeoluss XXX 4
Un particolare del corpetto.

IN CONCLUSIONE
Trek presenta le Bontrager Aeolus XXX 4 come la ruota tuttofare. Dopo oltre un mese di utilizzo intensivo possiamo dire che il claim è veramente azzeccato.
Si tratta di una ruota dalle altissime prestazioni, nata per massimizzare la resa aerodinamica in qualsiasi condizione, ma che si apprezza anche in salita. In discesa, soprattutto se paragonata a prodotti similari, si guida con facilità, fornendo sempre una grande sensazione di sicurezza, anche grazie alle performance di frenata decisamente sopra la media.
Inoltre è comoda e ci ha dato l’impressione di essere molto robusta.
Insomma, una ruota “ da gara”, che però è possibile utilizzare senza pensieri tutti i giorni.

Per informazioni www.trekbikes.com/it



VALUTAZIONE IN SINTESI
Dettagli Tecnici
8.5
Prestazioni
9.5