La Granfondo Stelvio Santini 2022 compie dieci anni.

Un’edizione speciale che si svolgerà domenica 12 giugno e che porterà ciclisti da tutto il mondo sulla mitica salita del Passo dello Stelvio dove è posto il traguardo dei tre percorsi. La vera novità, però, è costituita dall’inserimento nel percorso lungo di un nuovo versante del Mortirolo.




«In vista della decima edizione abbiamo voluto introdurre una modifica al tracciato lungo per fare conoscere una nuova e inedita salita al Passo Mortirolo, che prevede l’inizio dall’abitato di Sernio – commenta Mario Zangrando, Presidente settore Ciclismo dell’Unione Sportiva Bormiese – Un’ascesa affascinante che si può dividere in due parti: un attacco dove si sale subito decisi con pendenze dure, ma non impossibili e una seconda parte che premierà i partecipanti con una vista straordinaria».

Foto Granfondo Stelvio Santini – Tiziano Ballabio

E allora scopriamo più da vicino la nuova variante.
Una volta lasciato il paese di Sernio iniziano numerosi tornanti con punte massime al 17% che, tra selve di castagne prima e boschi di abeti poi, conducono ai 1.852 metri del bivio con la strada proveniente dal Lago di Guspessa e che fa da spartiacque tra la Valtellina a nord e la Val Camonica a sud.
Qui, dopo 12,8 chilometri, si conclude la prima parte della salita e si entra nella seconda metà del tracciato dove i concorrenti troveranno una decina di chilometri facili e godibili su una delle strade più panoramiche dell’alta Lombardia.

Foto Granfondo Stelvio Santini – Tiziano Ballabio

«Un percorso con una vista unica, dal ghiacciaio del Bernina alle cime delle Orobie con vista sul gruppo dell’Adamello – sottolinea Zangrando – e sullo sfondo si vedranno anche le vette del Monte Reit che aggireremo per salire all’agognato Passo dello Stelvio dove è posto il consueto traguardo».
Dal passo Mortirolo si proseguirà con la discesa verso Grosio e il consueto tracciato di fondo valle.

Anche il percorso medio pur evitando la terribile salita al Mortirolo subirà una piccola variazione. Al bivio di Sernio il medio “accompagnerà” il lungo per i primi 2 chilometri. Dopo il ristoro (spostato da Tovo a Sernio), il medio riprenderà il suo percorso storico verso Bormio e lo Stelvio.
Nessuna modifica per il percorso corto da 60 chilometri dove si affrontano quasi 2.000 metri di dislivello. Tutti e tre i tracciati avranno in comune la partenza da Bormio e il traguardo ai 2.758 metri del Passo dello Stelvio.

Foto Granfondo Stelvio Santini – Tiziano Ballabio

Le classifiche finali rimarranno invariate: confermata la graduatoria, divisa per i tre percorsi, che somma il tempo impiegato nelle singole salite, come fossero cronoscalate indipendenti, con l’obiettivo di premiare i primi di ogni categoria con la maglia a pois, la Queen of the Mountain e l’omologa King of the Mountain Granfondo Stelvio Santini 2022.

Un’altra classifica sarà riservata ai King e alle Queen of the Mountain assoluti sulle singole salite (Teglio, Mortirolo e Stelvio). Verranno inoltre premiate la squadra con il maggior numero di iscritti e quella con più atleti all’arrivo.
Anche nell’edizione 2022 non è prevista una classifica generale, ma verranno pubblicati, in ordine alfabetico, i tempi totali dalla partenza all’arrivo di tutti i finisher.

Granfondo Stelvio Santini
Foto Granfondo Stelvio Santini – Tiziano Ballabio

Due tipologie di iscrizione, due diversi pacchi gara

Al momento dell’adesione alla Granfondo Stelvio Santini i partecipanti potranno scegliere tra l’iscrizione base, che include il pettorale e la maglia ufficiale al prezzo di 90 euro, e il pacchetto formato da pettorale, maglia ufficiale e calzoncini abbinati alla jersey, al costo di 120 euro, naturalmente tutto declinato per uomo e donna.

Per ulteriori informazioni: granfondostelviosantini.com

In apertura: foto Granfondo Stelvio Santini – Tiziano Ballabio

Qui sotto alcune informazioni riguardo la stagione granfondo strada 2022:

Circuiti Granfondo 2022: i calendari delle gare e gli abbonamenti